en

Pubblicato il Bando di concorso per l’ampliamento dell’Ospedale Civico di Lugano

01 luglio 2016

L’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) ha pubblicato oggi il Bando di concorso per la realizzazione dell’ampliamento della piastra base dell’Ospedale Civico di Lugano. La nuova struttura, che andrà a beneficio di tutti i pazienti ticinesi, rappresenterà un importante tassello per permettere alla sanità del Cantone di mantenere la propria concorrenzialità a livello nazionale. La nuova costruzione, che si svilupperà su più piani, ospiterà la medicina intensiva, il blocco operatorio, il pronto soccorso, l’eliporto, spazi per i pazienti degenti e ambulatoriali e per i servizi tecnici. Il concorso d’architettura è articolato in due fasi. La prima fase di prequalifica, che si concluderà il 18 luglio, permetterà ai partecipanti di segnalare il loro interesse e di inoltrare la documentazione preliminare richiesta dal Committente. Entro fine luglio, la giuria composta di nove elementi, 4 in rappresentanza del committente e 5 architetti professionisti di comprovata esperienza, procederà alla selezione dei team ammessi alla fase successiva del concorso. Nella seconda metà di dicembre, la giuria valuterà i progetti inoltrati e proclamerà il vincitore. L’obiettivo è di iniziare il cantiere nell’autunno del 2018.

Inaugurato nel 1980, l’ospedale si avvia verso il termine del suo primo ciclo di vita e va sottoposto con urgenza ad una ristrutturazione importante per continuare a rispondere adeguatamente all’evolversi delle esigenze della medicina e dei pazienti.

Un edificio di otto piani
La nuova struttura ospiterà la medicina intensiva con 26 posti letto (20 di cure intensive e 6 di cure continue), il blocco operatorio con 8 sale, il pronto soccorso con 38 postazioni di trattamento, l’eliporto, un piano per la crescita futura, l’ambulatorio di fisioterapia ed ergoterapia, come pure gli spogliatoi del personale e spazi riservati alla tecnica. Sorgerà nello spazio attualmente libero tra l’ospedale e l’autosilo addossandosi ad entrambi gli edifici esistenti e si svilupperà su otto livelli, di cui quattro semi-interrati. Ai partecipanti al concorso è inoltre stato chiesto di riflettere sulla riqualificazione del piano terra dell’autosilo con la realizzazione di un parco a beneficio di tutto il quartiere.

Con questo nuovo concorso di architettura, il secondo del genere per l’EOC dopo quello per la nuova ala dell’Ospedale Regionale di Mendrisio nel 2014, l’Ente banditore e Committente vuole individuare la soluzione più adeguata per la nuova piastra base. Lo scopo è di rispondere in maniera globale, armonica e innovativa alle esigenze poste all’ospedale dal progresso medico e tecnologico, dallo sviluppo demografico della popolazione e dall’accresciuta complessità delle patologie. Altri elementi importanti di cui i progettisti dovranno tenere conto sono il trasferimento di talune attività sanitarie dal settore stazionario a quello ambulatoriale, la concentrazione di certe specialità a livello cantonale negli ospedali di Lugano e Bellinzona, come pure l’evoluzione della tecnologia medica.

La realizzazione di quest’opera, che andrà a beneficio di tutti i pazienti, è di vitale importanza per lo sviluppo di tutto il contesto sanitario del Cantone, con cure di alta qualità che gli permetteranno anche in futuro di restare competitivo a livello nazionale
 

Ultimo aggiornamento: 01 luglio 2016